Partiamo dagli Analytics

Partiamo dagli Analytics

Mobile First

Ormai sono anni che si sente parlare di Mobile First e Responsive Design. I dati ci dicono che nei primi mesi del 2014 la diffusione dell’uso di Smartphone e Tablet nell’uso quotidiano ha superato quello dei dispositivi Desktop anche in Italia. E’ dunque arrivato il momento, per tutti, di dare una bella ristrutturata al modo in cui ci si presenta sul web.

Partendo dalla filosofia del “Mobile First” si è diffusa negli ultimi due anni la tendenza a progettare siti web per desktop e mobile che abbiano diversi punti in comune soprattutto dal punto di vista dalla User Experience. Non più strade separate ed esperienze agli antipodi, ma un nuovo modo più omogeneo di concepire la navigazione e la fruizione dei contenuti. Proprio in quest’ottica hanno iniziato a lavorare i big dell’IT da Facebook a Google.

Google sta andando in questa direzione nello sforzo di riprogettare GMAIL (font: geek.com), la versione per Desktop  (qui sotto) potrebbe essere stravolta e resa più simile a quella mobile.

Screen4[1]

 

Da dove iniziare?

Ma torniamo all’argomento principale di questo post, da dove iniziamo per progettare un’esperienza d’uso mobile che sia efficace e soddisfacente per gli utenti? La risposta è semplice, cominciamo dagli utenti, cerchiamo di capire come si comportano sul nostro sito e quali sono le loro abitudini. Partendo da qui possiamo capire cos’è che non va.

Uno strumento che ci offre importanti insight (gratuiti) da questo punto di vista è Google Analytics.

1. Overview
Analytics ci permette di visualizzare tutta una serie di statistiche e report relativi all’utilizzo del nostro sito. Visualizzando una panoramica del pubblico, per esempio, possiamo già farci un’idea di massima di quanto gli utenti usino device mobile per accedere al sito. Anche solo questo dato (se non abbiamo un sito per mobile) può essere importante per capire a quale fetta di pubblico stiamo offrendo un’esperienza utente poco soddisfacente.

2. Devices
Analizzando, invece, quali tipi di device mobile vengono utilizzati maggiormente e comparando questi dati in diversi lassi di tempo, possiamo farci un’idea più chiara sui trend d’utilizzo e progettare delle soluzioni in maniera più razionale e mirata (Cos’è? il Data Driven Design).

Filtrando i risultati per “Risoluzione” ci rendiamo conto di quali sono le porzioni di sito che visualizzano i nostri utenti e possiamo lavorare per fare in modo che non siano costretti a zoomare di continuo per navigare le pagine e leggere i contenuti. Continuando ad analizzare il report possiamo raccogliere interessanti informazioni riguardanti il tipo di browser usato e il sistema operativo delle varie sessioni. Tutti questi dati ci daranno un grosso aiuto nel momento in cui dovremo iniziare la progettazione del nuovo prodotto.


Segmentare i dati

Sempre tramite Google Analytics è possibile segmentare i dati raccolti osservando separatamente le statistiche d’utilizzo e i comportamenti degli utenti sui diversi tipi di device. In questo modo diventa più semplice isolare gli errori e lavorare sul miglioramento dell’esperienza d’uso di target molto più specifici (es. Tablet iOS hanno difficoltà a visualizzare la pagina di login).

Oltre ai device possiamo determinare quali sono le pagine più ricercate, quali sono le pagine d’ingresso al sito, quelle di uscita e qual è la frequenza con la quale gli utenti lasciano il sito.

Il sito Sincro

Il sito di Sincro non aveva una versione mobile, analizzando gli Analytics ci siamo resi conto che le pagine in cui si mostravano i progetti ai quali aveva lavorato la società avevano pochissimo appeal sugli utenti mobile. La maggior parte delle sessioni da smartphone e tablet era orientata all’uso del client di posta. E’ stato quindi deciso di progettare e realizzare una versione responsive che potesse offrire una discreta esperienza d’uso agli utenti con device web e mobile.

Con la messa online del nuovo sito responsive abbiamo notato che gli utenti hanno iniziato a navigare il sito in tutte le sue parti e se prima erano i dipendenti a connettersi per consultare la mail dal web, ad oggi c’è un gran numero di nuovi visitatori che presta maggiore attenzione alle soluzioni proposte, ai prodotti e al portfolio della società. 


Quindi..

Questi risultati, combinati coi risultati relativi al “Flusso di utenti” e alle “Analisi dei dati In-Page”, ci spiegano che a seconda del tipo di obbiettivo e di progettazione che si prende in considerazione si avranno risultati radicalmente diversi che andranno ad impattare in maniera diretta sulla capacità di attirare diverse tipologie di utenti.

 

Comments

comments

Sincro

Sincro Consulting Spa è una società di ingegneria del software fondata agli inizi del 1997 che opera nei settori della consulenza, progettazione e sviluppo di soluzioni in ambito ICT.